Art. 495 c.p.c. Codice di Procedura Civile

  
  

Articolo 495. In qualsiasi momento anteriore alla vendita, il debitore può chiedere di sostituire alle cose pignorate una somma di denaro pari all’importo delle spese e dei crediti del creditore pignorante e dei creditori intervenuti.

Unitamente all’istanza deve essere depositata in cancelleria, a pena di inammissibilità, la somma corrispondente ad un quinto dell’importo del credito per cui è stato eseguito il pignoramento e dei crediti dei creditori intervenuti, indicati nei rispettivi atti di intervento. La somma è depositata dal cancelliere presso un istituto di credito indicato dal giudice.

La somma da sostituire al bene pignorato è determinata con ordinanza dal giudice dell’esecuzione, sentite le parti.

Con l’ordinanza che ammette la sostituzione, il giudice dispone che le cose pignorate siano liberate dal pignoramento e che la somma versata vi sia sottoposta in loro vece.

Qualora il debitore ometta il versamento dell’importo determinato dal giudice ai sensi del terzo comma, la somma versata unitamente alla presentazione dell’istanza forma parte dei beni pignorati.

L’istanza può essere avanzata una sola volta, a pena di inammissibilità.

Articolo così sostituito dall’Articolo 71, L. 26 novembre 1990, n. 353.

  
  

Ricerca nell'ordinamento giuridico

Ricerca personalizzata

Disclaimer: gli articoli presenti nel sito potrebbero non essere aggiornati.

graffettaLeggi online il testo degli articoli di qualsiasi codice legale in Italia:

Consultazione gratuita codici di leggi italiane

Leggi italiane e articoli correlati

Consulta i seguenti testi di leggi in italiano correlate a "Art. 495"