Art. 2122 c.c. Codice Civile

  
  

Articolo 2122. In caso di morte del prestatore di lavoro, le indennità indicate dagli artt. 2118 e 2120 devono corrispondersi al coniuge, ai figli e, se vivevano a carico del prestatore di lavoro, ai parenti entro il terzo grado e agli affini entro il secondo grado (73, 78).

La ripartizione delle indennità, se non vi è accordo tra gli aventi diritto, deve farsi secondo il bisogno di ciascuno.

In mancanza delle persone indicate nel primo comma, le indennità sono attribuite secondo le norme della successione legittima (565 e seguenti).

E nullo (1421 e seguenti) ogni patto anteriore alla morte del prestatore di lavoro circa l’attribuzione e la ripartizione delle indennità (458).

Hai un dubbio legale o fiscale? Risolvilo oggi stesso.

Scrivi la tua domanda

La tua email

Scegli il metodo di pagamento:

A partire da soli 25 euro il nostro avvocato di fiducia ti offrirà una consulenza scritta per risolvere il tuo dubbio con semplicità. Descrivi il tuo dubbio e riceverai un preventivo gratuito per risolverlo entro 24 ore.

Accetto il trattamento dei dati personali


Ricerca nell'ordinamento giuridico

Ricerca personalizzata

Disclaimer: gli articoli presenti nel sito potrebbero non essere aggiornati.

graffettaLeggi online il testo degli articoli di qualsiasi codice legale in Italia:

Consultazione gratuita codici di leggi italiane

Leggi italiane e articoli correlati

Consulta i seguenti testi di leggi in italiano correlate a "Art. 2122"